Francesco Celani - francescocelanienergy

Vai ai contenuti

Menu principale:


BENVENUTI!

Nel sito Ufficiale del:

Francesco Celani


Francesco Celani  è Primo Ricercatore dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Frascati (INFN), e vicepresidente. della Società Internazionale di Scienze Nucleari e della Materia Condensata (ISCMNS).  

Francesco Celani  è arrivato allo studio della "Fusione Fredda",  LENR, per "diffidenza", come Lui stesso ci racconta.  Egli infatti ha fatto sempre proprio lo "scetticismo metodologico" di   Cartesio ed è sempre stato ispirato dal desiderio di "verità".

Così come  
Eugene Franklin Mallove  denunciò in passato la falsificazione dei dati sull' esperimento di "Fusione Fredda" da parte del  MIT  (dovuto agli interessi dell' establishment di quell' Ateneo collegati ai fondi per le ricerche sulla fissione nucleare di cui già godevano), a  Francesco Celani  dobbiamo, di recente, anche il coraggio della diffusione dei due documenti interni, da Lui stesso casualmente scoperti, relativi a due ricerche  NASA  sulla "Fusione Fredda", (quella di  Martin Fleischmann   e Stanley Pons), che ne validavano i risultati già anni fa.

Francesco Celani  nel suo pluridecennale lavoro di Fisico Sperimentale, è stato sempre animato da uno spirito veramente Scientifico, (degno interprete anche della tradizione del metodo sperimentale di  Galileo Galilei). Egli è inoltre fautore di una visione  rivolta alle esigenze dell'Umanità in generale ed al Popolo Italiano in particolare", cioè, per quanto possibile, avente riscontri reali nella vita quotidiana dei "Cittadini Qualunque", e adesso anche "open source", della Scienza stessa.  
La sua  pregressa partecipazione alla metodologia Live Open Science (LOS), fondata dal gruppo di lavoro del  "Martin Fleichmann Memorial Project"  nel 2012, è immutata, anzi ulteriormente rafforzata.

Entrambi perseguono gli stessi obiettivi negli stessi ambiti dello scibile umano: una a livello Internazionale e l'altra Nazionale.

Con la realizzazione di questo modesto sito web:

francescocelenienergy.org


Io ho avuto come unico intento quello di raccogliere, in un progetto "work in progress", il Suo prezioso lavoro di Ricercatore e Scienziato di primissimo livello, impeganto adesso nella ricerca e sperimentazione delle nuove energie: "Fusione Fredda", LENR.

Come tutti sanno Ferancesco Celani ha pubblicato e continua a pubblicare tutti i dati sperimentali sul funzionamento del proprio reattore a: "filo di Costantana", ("Fusione Fredda", LENR). Auspico  che in un prossimo futuro si possano vedere  concretizzarsi anche  applicazioni pratiche e commerciali, Democratiche e condivise, del Suo reattore; a favore del benessere di quel "Popolo", che spesso Francesco Celani cita;  le cui sorti, quelle del Popolo, il Suo benessere e la Sua prosperità, gli stanno tanto a cuore.

Naturalmente la prospettiva che anche il Suo lavoro, come sembra dalle ottime premesse, porti alla scoperta di una fonte di energia economica, inesauribile e pulita, rende Noi Tutti che seguiamo il Suo lavoro, molto euforici.
Forse presto grazie a Francesco Celani quel sogno (realtà?!), che era stato già di Nikola Tesla, potrà finalmete concretizzarsi!

Francesco Celan
i condivide con me anche il punto di vista che una Scienza che non abbia come fine ultimo il benessere e il progresso dell' Umanità, e anche la salvezza del pianeta Terra, non sia degna di questo nome.

Aggiungerei solo che il benessere materiale, come ci promette l' energia economica, inesauribile e pulita, senza un concomitante sviluppo della Spiritualità e della Coscienza, di per sè non garantisce un miglioramento assoluto e duraturo della vita dell' Uomo e soprattutto la prospettiva della Pace nel Mondo.


Auguri di buon lavoro! Caro Prof. Francesco Celani.

Luciano Saporito









Prof. Francesco Celani


Biography



* Francesco Celani, nato a Roma-Italia (8 febbraio 1951). Cittadino italiano.
* Sposato (Misa Nakamura, chimica co-lavoratore in LENR dal 1994), 2 daugthers.
* Laurea in Fisica Sperimentale dal Dipartimento di Fisica dell'Università "La Sapienza"-Roma, il 15 dicembre 1975 con votazione 110/110. * Tesi (subito dopo la laurea, pubblicata il NIM) a Frascati National Laboratories (LNF) dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) con argomento cibernetica applicata: rivelatori elettronici nucleari utilizzati su acceleratore nucleare (e + e-3.1GeV Collider, ADONE) .
Personale esperto * di INFN-LNF dal 1 ° luglio 1976 (Ricercatore, sperimentale, in Fisica). * (1976-1983) Registrato il NA1 esperimento al CERN-SPS. Sono stato coinvolto, principalmente, nella progettazione del primo (nel mondo, a quel tempo) ultra-compatti, comandati a distanza, generatori di alta tensione per entrambe le Camere Multi Fili proporzionali (MWPC) e moltiplicatori foto (PM). Gli strumenti è stato nominato FRAMM 77 Sistema e largamente utilizzato anche in USA (Fermilab) e Francia (Saclay). Sviluppato un generatore di impulsi ultra-veloce, frequenza di ripetizione variabile e potenza, di calibrata, da una breve durata (pochi ns) impulsi di luce il PM: scoperto il cosiddetto "effetto tasso" sul PM. Grazie alla scoperta di tali effetti inattesi che potrebbero produce segnali falsi in punti operativi specifici di PM, le industrie sviluppate (dal 1982), una nuova famiglia di PM chiamato "effetto free rate". Sviluppato anche alcuni, veloce, a basso rumore di carica pre-amplificatori per rivelatori al silicio utilizzati nel front-end della trave SPS (350GeV). * (1983-1987). Dopo l'esperienza con i rivelatori al silicio (sensibilità di circa 1e-/3.6eV energia rilasciata), ho deciso di studiare rivelatori innovativi con una sensibilità equivalente mille volte più grande. Così ho iniziato a studiare superconduttore giunzioni tunnel (Ni-Pb, T = 4.2K), in collaborazione con l'Università di Salerno, con un gap di energia intrinseca meV solo pochi. Trovato alcuni risultati molto interessanti con giunzioni di spessore nel 1985. Uno di questi sono stati contaminati (per caso) da diversi altri elementi e ha mostrato un comportamento simile alla superconduttività anche a temperatura grande come 77K (LN2). È stato dichiarato un multi-disciplinare della Commissione al fine di chiarire l'origine di tali segnali. Purtroppo i risultati sono stati respinti, a priori, perché in disaccordo con il modello BCS / teoria (temperatura massima di superconduttività ha dichiarato a 32K). Un anno dopo Bednorz e Muller (da IBM, Zurigo), in modo indipendente (e partendo da diversi punti di vista), ha trovato risultati simili in ossidi cuprati miscelati con rare-cuori e ottenuto il Premio Nobel. * (1985-1986). In parallelo con gli studi superconduttore, ho aderito a un piccolo gruppo volto a misurare il flusso di neutroni (atteso molto basso) all'interno del sotterraneo del Gran Sasso Laboratory, in quel momento in fase di allestimento. L'esperimento, anche se ambienti molto avversi, era davvero successo e i documenti finali sulla "qualificazione nucleare" di Laboratorio quali provengono anche dalle nostre misure di flusso di neutroni (circa 1000 volte inferiore al livello del mare). * (1987-1992). Dopo i risultati di Muller, e solo in seguito di Chu (in USA), ho iniziato lo sviluppo di nuove procedure per migliorare la qualità dei superconduttori ad alta temperatura, specialmente di tipo YBCO. ho successo e brevettato (gennaio 1988) una nuova procedura basata su ozono ricottura (invece di ossigeno solito) e sintesi mediante pirolisi di citrati (invece del consueto miscelazione a secco di polveri). In particolare, tale ultima procedura produce materiali a livello sub-micron dimensioni che sembra essere un fattore chiave dei loro (eccellente) performance. Più tardi, perché i cosiddetti studi di Fusione Fredda, alcuni di tali materiali sono stati costretti ad assorbire alcuni importi sia a idrogeno o deuterio. Alcuni di tale campione ha mostrato una temperatura di transizione superconduttore alto come 101K, 10K cioè maggiore della K 91 di YBCO solito. Il valore di 101K è, ancora oggi, il più grande ha riferito di tali materiali. * (1989-2012). Coinvolto negli studi Cold Fusion, ora rinominato LENR (reazioni nucleari a bassa energia). Sono stato coinvolto, all'inizio, nella ricerca di neutroni. Abbiamo trovato un po ', a bassa intensità, all'interno del laboratorio sotterraneo del Gran Sasso, soprattutto durante forti non-equilibrio transizioni. La scoperta di non-equilibrio è stato l'aspetto fondamentale di quasi tutte le mie ricerche in LENR. Abbiamo studiato entrambi al solito Pd-D2O sistemi elettrolitico e (dal 2003) ambienti gassosi. Gli ultimi sono stati basati sia su Pd-D2 impianto a gas con fili sottili e lunghi (fino a temperature di 550 ° C) e Ni-H2 (fino a temperature di 900 ° C). Studiare sistema elettrolitico ho trovato anche una nuova specie di batteri che vivono in acqua pesante. È stato chiamato Ralstonia detusculanense e il suo utilizzo anche per il recupero / concentrato radioattivo Co e Cs dal combustibile nucleare esaurito. In alcuni dei precedenti esperimenti ho trovato evidenze scientifiche sufficienti per convincermi a lavorare in (controversa) campo di ricerca fino ad ora.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu